R.I.P.



Warning: this article is available in English language only by automatic translation (Google Translate).
Press the button below to translate. Please, note that automatic translation is far to be perfect.

 

La Stampa di oggi riporta in prima pagina il seguente titolo:

Il Papa voleva lasciare, lo dice il testamento.
Il dubbio nel 2000: dimissioni o senso della fine? Teologi divisi.

Non intendo certo competere con tanti illustri teologi sul significato da dare a quel riferimento al brano del Vangelo di Luca, riportato nel testamento di Giovanni Paolo II, in cui Simeone dice:

«Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola;
perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli,
luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele.»

Quello che mi domando è se sia proprio necessario scomodare tanti esperti e aprire di fatto un dibattito su una questione del genere. Qualunque sia l’interpretazione da dare al brano, è veramente così importante chiedersi se all’epoca di stilare il proprio testamento Giovanni Paolo II fosse preso da dubbi sull’opportunità o meno di dimettersi?

Credo che dopo il bagno mediatico e di folla al quale abbiamo assistito negli ultimi giorni, sia arrivato il momento di calare il sipario sulla scomparsa di uno dei personaggi più significativi del secondo millennio e di rivolgergli un ultimo saluto dal profondo del cuore:

Adesso, riposa veramente in Pace.

 

Comments (1) to «R.I.P.»

  1. utente anonimo says:

    Parole sante

No trackbacks or pingbacks to «R.I.P.»

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.