R.I.P.



  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • OkNotizie
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Netvibes
  • Reddit
  • Yahoo! Bookmarks
  • RSS
 

La Stampa di oggi riporta in prima pagina il seguente titolo:

Il Papa voleva lasciare, lo dice il testamento.
Il dubbio nel 2000: dimissioni o senso della fine? Teologi divisi.

Non intendo certo competere con tanti illustri teologi sul significato da dare a quel riferimento al brano del Vangelo di Luca, riportato nel testamento di Giovanni Paolo II, in cui Simeone dice:

«Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola;
perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli,
luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele.»

Quello che mi domando è se sia proprio necessario scomodare tanti esperti e aprire di fatto un dibattito su una questione del genere. Qualunque sia l’interpretazione da dare al brano, è veramente così importante chiedersi se all’epoca di stilare il proprio testamento Giovanni Paolo II fosse preso da dubbi sull’opportunità o meno di dimettersi?

Credo che dopo il bagno mediatico e di folla al quale abbiamo assistito negli ultimi giorni, sia arrivato il momento di calare il sipario sulla scomparsa di uno dei personaggi più significativi del secondo millennio e di rivolgergli un ultimo saluto dal profondo del cuore:

Adesso, riposa veramente in Pace.

 

Commenti (1) a «R.I.P.»

  1. utente anonimo ha detto:

    Parole sante

Nessuna retrotraccia o avviso a «R.I.P.»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta





Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.

EmailEmail
PrintPrint