R.I.P.



 

La Stampa di oggi riporta in prima pagina il seguente titolo:

Il Papa voleva lasciare, lo dice il testamento.
Il dubbio nel 2000: dimissioni o senso della fine? Teologi divisi.

Non intendo certo competere con tanti illustri teologi sul significato da dare a quel riferimento al brano del Vangelo di Luca, riportato nel testamento di Giovanni Paolo II, in cui Simeone dice:

«Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola;
perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli,
luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele.»

Quello che mi domando è se sia proprio necessario scomodare tanti esperti e aprire di fatto un dibattito su una questione del genere. Qualunque sia l’interpretazione da dare al brano, è veramente così importante chiedersi se all’epoca di stilare il proprio testamento Giovanni Paolo II fosse preso da dubbi sull’opportunità o meno di dimettersi?

Credo che dopo il bagno mediatico e di folla al quale abbiamo assistito negli ultimi giorni, sia arrivato il momento di calare il sipario sulla scomparsa di uno dei personaggi più significativi del secondo millennio e di rivolgergli un ultimo saluto dal profondo del cuore:

Adesso, riposa veramente in Pace.

 

Commenti (1) a «R.I.P.»

  1. utente anonimo ha detto:

    Parole sante

Nessuna retrotraccia o avviso a «R.I.P.»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.