Hampered… collection



  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • OkNotizie
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Netvibes
  • Reddit
  • Yahoo! Bookmarks
  • RSS
Warning: this article is available in English language only by automatic translation (Google Translate).
Press the button below to translate. Please, note that automatic translation is far to be perfect.

Come molti, faccio regolarmente la raccolta differenziata dei rifiuti: ho i miei bei bidoncini di colore differente per la carta, la plastica e il vetro, gli abiti e le batterie usate, che regolarmente svuoto nei cassonetti che si trovano vicino a casa mia o all’ufficio. Da diverso tempo a questa parte, tuttavia, sono costretto a fare diversi giri prima di trovare un cassonetto disponibile nel mio quartiere, e non certo perché siano danneggiati ma semplicemente perché sono tutti pieni fino all’orlo!

A volte si dice che la gente non presti sufficiente attenzione all’ambiente e che non sia disponibile a fare piccoli sacrifici come appunto quello di differenziare la spazzatura, specie nel centro-sud, ma almeno qui a Roma sembra che la realtà sia molto differente: di cittadini e di famiglie che fanno la raccolta differenziata evidentemente ce ne sono molte perché quelle rare volte che i cassonetti vengono svuotati sono di nuovo pieni nel giro di poche ore; il problema è piuttosto la raccolta da parte del Comune.

Solo l’altro ieri ho dovuto girare ben 20 minuti e provare almeno 12 diversi punti di raccolta per trovare un cassonetto con ancora un minimo di spazio disponibile. Tipicamente erano tutti nelle condizioni mostrate dalla foto qui sotto, e non è un’eccezione ormai, ma la regola. Forse sarebbe il caso che il Comune prendesse atto che la raccolta differenziata è ormai la norma e che bisognerebbe potenziare la raccolta dei rifiuti riciclabili.

Oltretutto i cassonetti usati a Roma sono molto poco igienici, dato che per infilare le bottiglie, ad esempio, si finisce per toccare le membrane di gomma che chiudono i fori di immissione, generalmente molto — ma decisamente molto — luride. Sarebbe più pratico, sia per le bottiglie che per la carta, poter infilare i rifiuti dopo averli sigillati in appositi sacchetti biodegradabili, attraverso fessure molto ampie come si fa per la spazzatura non riciclabile.

Grazie al cielo la situazione dei rifiuti a Roma non è quella di Napoli, anzi, ma questo non vuol dire che il Comune non debba fare la sua parte.

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply





In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.

EmailEmail
PrintPrint