White Revolution



  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • OkNotizie
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Netvibes
  • Reddit
  • Yahoo! Bookmarks
  • RSS
Warning: this article is available in English language only by automatic translation (Google Translate).
Press the button below to translate. Please, note that automatic translation is far to be perfect.

Ho creato su Facebook una pagina per discutere di una controproposta all’idea, ipotizzata da alcuni politici ed esperti di economia, di caricare sui cittadini italiani parte del debito pubblico italiano. La controproposta è semplice nella sua espressione, anche se poi, realizzarla, richiederà parecchio lavoro, soprattutto per creare un piano di transizione credibile che non impatti sulla gestione della cosa pubblica.

In pratica l’idea è quella di fare uno scambio: noi cittadini ci prendiamo carico in tot anni di tutto il debito pubblico italiano, ovvero lo azzeriamo, e in cambio viene azzerata completamente l’attuale classe politica, ovvero tutti i partiti, nessuno escluso, i cui beni andranno a fare cassa per contribuire all’azzeramento del debito.

Sembra un’idea pazzesca ma non più di quella, mai attuata da alcun governo, di ribaltare sui cittadini tutto il debito dello Stato. Si tratta solo di definirne molto bene i dettagli, dato che non potrà essere fatta dal giorno alla notte e si dovrà comunque garantire il funzionamento dello Stato. Per azzeramento completo della classe politica, tuttavia, si intende davvero un completo ricominciare da zero, a tutti i livelli, sia nelle istituzioni centrali che in quelle periferiche.

Come fare? Discutiamolo insieme su Facebook.

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply





In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.

EmailEmail
PrintPrint