Il figlio? Ce lo giochiamo a «testa o croce»



Incredibile udienza al Tribunale per i Minorenni di Trento.

Il Presidente Carlo Alberto Agnoli, senza minimamente soffermarsi sulle motivazioni del papà del piccolo G.F., che chiedeva legittimamente di avere con sè per la prima volta il bambino per il Santo Natale, sempre trascorso con la madre fin dalla separazione dei genitori, ha trattato tutta la vicenda come se fosse una classica disputa sportiva: ha lanciato in aria una monetina e, essendo venuta testa, ha assegnato il bambino alla madre.


Carlo Alberto Agnoli

La cosa ancora più incredibile, tuttavia, è stata la dichiarazione rilasciata in seguito al quotidiano «L’Adige»:

«L’ho fatto nell’interesse del bambino. Legali e genitori non si mettevano d’accordo e non c’era tempo di riunire la Camera di Consiglio. Così ho detto ai genitori di affidarsi al caso. Ho agito nell’interesse del bambino.»

Commenti (6) a «Il figlio? Ce lo giochiamo a «testa o croce»»

  1. Dario de Judicibus Dario de Judicibus ha detto:

    Dimmelo tu: non sei mai riuscita ad avere tuo figlio per Natale, ti rivolgi al Tribunale dei Minori per poter passare almeno un Natale con tuo figlio e quello lancia una monetina per decidere? Fosse successo a me gliel’avrei fatta ingoiare, la moneta.

  2. utente anonimo ha detto:

    Scusate, dove posso trovare una pistola? Ho un attimino bisogno di spiegare a sto PRESIDENTE DI TRIBUNALE come funziona la GIUSTIZIA da noi..
    Ma basta!!! Usciamo tutti alla finestra e urliamo le nostre ragioni!!!

    [L’infacèto]

  3. psikonum ha detto:

    😀
    questo giudice è un pazzo (ma per me è falso..)

  4. Dario de Judicibus Dario de Judicibus ha detto:

    No, purtroppo è tutto vero. Puoi leggere l’intervista su L’Adige di ieri.

  5. Dario de Judicibus Dario de Judicibus ha detto:

    Riporto per completezza l’opinione di
    Elio Cirimbelli, Direttore del Centro per l’assistenza separati divorziati Asdi di Bolzano.

    «Un figlio ha bisogno sempre di sentirsi amato e non conteso. Se questa volta la monetina è andata a favore della mamma, e poteva andare diversamente ma la sostanza non cambia, questo bambino si sentirà sempre e comunque conteso, e non avremmo aiutato i due genitori ad abbandonare la strada dei tribunali per approfittare invece della ricerca del dialogo necessario tra una mamma ed un papà».

Nessuna retrotraccia o avviso a «Il figlio? Ce lo giochiamo a «testa o croce»»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta





Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.