A subtle form of racism



Warning: this article is available in English language only by automatic translation (Google Translate).
Press the button below to translate. Please, note that automatic translation is far to be perfect.

Guardate queste tre immagini. Sono le copertine di tre fra i più importanti quotidiani presenti in Rete: il Corriere della Sera, La Stampa e La Repubblica. Notate nulla? Vi ricordate cos’è successo ieri? Sì, mi riferisco agli oltre 190 morti e 500 feriti della strage di Mumbai (Bombay). Beh, dov’è finita? D’accordo, è successo ieri, ma di quelle di New York, Londra, Madrid e Sharm el-Sheikh se n’è parlato per settimane. E allora? Com’è che a distanza di 24 ore dall’attentato non se ne parla già più sulle copertine di due dei tre quotidiani in questione, e che solo «La Stampa» vi dedica ancora un trafiletto che, peraltro, rimanda a un articolo della sezione Esteri?



Corriere della Sera


La Stampa


La Repubblica

Possibile? Sembrerebbe di sì… D’accordo, a New York i morti furono quasi tremila, ma a Madrid furono altrettanti (191 morti), a Sharm el-Sheikh una novantina e a Londra ci furono solo 52 vittime. E allora, dov’è la differenza? Certo, c’è da considerare l’addio di Lippi al calcio, le esternazioni della madre di Zidane a Materazzi, i mal di pancia di D’Alema sul rifinanziamento della missione di pace in Afghanistan… Notizie di tutto rispetto, ci mancherebbe!

Viene tuttavia un dubbio. Solo un dubbio, ovviamente, nessuna accusa implicita, ma… Le vittime di New York erano per la maggior parte cittadini americani ed europei, ed europea era la maggior parte delle vittime a Madrid e a Londra, sebbene fra loro ci fossero numerosi immigrati, così come turisti occidentali erano molte delle vittime di Sharm, anche se furono diversi i morti fra i locali. Ma a Mumbai? Ben pochi gli occidentali, forse nessuno. Per lo più indiani delle tante etnie. Difficile accettare che sia solo questa la differenza, eppure lo vediamo anche in Iraq, in Iran, e ancor più nelle miriadi di guerre dimenticate dell’Africa. Il fatto è che forse…

…non è il numero di morti che conta:
è DOVE e, soprattutto, CHI.

Comments (3) to «A subtle form of racism»

  1. mc2033 says:

    Piccola provocazione: tu, a livello personale, soffri allo stesso modo se muore un cinese qualsiasi, un americano qualsiasi o tua moglie?

    Se si soffrisse allo stesso modo per ogni morto, parente o no, vicino o lontano geograficamente, molte guerre non si sarebbero mai combattute, ma così non è.

    E geograficamente non è secondario (oltre la parentela, intendo). Pensaci bene: reagisci allo stesso modo se leggi di un tale che salta dalla finestra in una città lontana o se una mattina uscendo di casa trovi la gente raccolta attorno al portone affianco per lo stesso motivo…

    Non so se sia giusto, ma è così che siamo fatti…

  2. Certo, quello che dici è vero, ma qui la questione è ben diversa.

    Parliamo di media e di informazione, non di singoli individui che, giustamente, possono anche reagire emotivamente in modo diverso a seconda di quanto vicino li tocchi un problema.

    E non stiamo parlando di qualcuno che si butta dalla finestra, ma di uno dei tanti attentati di un terrorismo globale, che ha già colpito e continua a colpire in tutti i continenti. Sarebbe come se i giornali ricordassero, delle vittime dello stesso serial killer, solo alcune e non altre, solo perché le prime bianche e le seconde di colore.

  3. Lorenews says:

    Giusto… scandalosa stampa italiana … Ti invito a leggere il mio post “Disinformazione” … fammi sapere … un saluto, Lorenzo

No trackbacks or pingbacks to «A subtle form of racism»

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.