Made in what?



Warning: this article is available in English language only by automatic translation (Google Translate).
Press the button below to translate. Please, note that automatic translation is far to be perfect.

Il Parlamento Europeo sta pensando se istituire o meno l’obbligo di indicare la provenienza delle merci sui beni importati in Europa. Nell’Unione Europea, infatti, non è obbligatorio, per le merci importate da paesi extra-UE, l’indicazione del paese di origine. Di fronte a questo problema, l’Unione è incerta su quale posizione prendere e pertanto ha istituito un sondaggio a riguardo che, peraltro, non è stato assolutamente pubblicizzato e quindi risulta sconosciuto ai più.

Se pensate che sia importante, per alcune o per tutte le tipologie di prodotti, conoscerne la provenienza o comunque, qualunque sia la vostra opinione a riguardo, desiderate farla conoscere all’Unione Europea, potete partecipare al sondaggio andando sulla pagina Normativa CE sul marchio di origine ("Made in").

Sbrigatevi però: il sondaggio termina il 30 aprile 2005.

Comments (1) to «Made in what?»

  1. Tra l’altro non capisco che valenza abbia un sondaggio in cui sono i cittadini ad andarsi a cercare il sondaggista.

    Aloha

    Fiaschi.org

No trackbacks or pingbacks to «Made in what?»

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.