Made in cosa?



Il Parlamento Europeo sta pensando se istituire o meno l’obbligo di indicare la provenienza delle merci sui beni importati in Europa. Nell’Unione Europea, infatti, non è obbligatorio, per le merci importate da paesi extra-UE, l’indicazione del paese di origine. Di fronte a questo problema, l’Unione è incerta su quale posizione prendere e pertanto ha istituito un sondaggio a riguardo che, peraltro, non è stato assolutamente pubblicizzato e quindi risulta sconosciuto ai più.

Se pensate che sia importante, per alcune o per tutte le tipologie di prodotti, conoscerne la provenienza o comunque, qualunque sia la vostra opinione a riguardo, desiderate farla conoscere all’Unione Europea, potete partecipare al sondaggio andando sulla pagina Normativa CE sul marchio di origine ("Made in").

Sbrigatevi però: il sondaggio termina il 30 aprile 2005.

Etichette: , ,

Commenti (1) a «Made in cosa?»

  1. utente anonimo ha detto:

    Tra l’altro non capisco che valenza abbia un sondaggio in cui sono i cittadini ad andarsi a cercare il sondaggista.

    Aloha

    Fiaschi.org

Nessuna retrotraccia o avviso a «Made in cosa?»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.