Vittime di serie B



Da “Metro” del 27 Novembre 2004:

«Margaret Hassa sarebbe stata uccisa dai suoi sequestratori.

Intanto a Latifiya sono stati trovati 18 corpi di soldati iracheni decapitati»

Persino nella morte e nel dolore, ci sono ancora vittime di serie A e vittime di serie B, persino quando stanno dalla stessa parte della barricata. Pur condividendo una morte orribile, ai nostri ostaggi vengono infatti concesse le prime pagine dei giornali, i loro nomi e i video dei loro aguzzini fanno il giro del mondo, montagne di lettere ed espressioni di solidarietà li accompagnano. Certo, se devi morire in quel modo, dà ben poca soddisfazione il sapere di essere diventati famosi, eppure a volte serve anche quello, come nel caso delle due Simone. Ma per quei poveri disgraziati dei quali non si sa neppure i nomi, la cui morte certa è forse ignorata persino dalle loro famiglie e per i quali non una parola, non un messaggio di solidarietà, neppure collettivo, viene speso, per loro c’è solo una morte orribile e nulla più.

E poi qualcuno si stupisce ancora che nel Terzo Mondo ci sia così tanta gente che ci odia…

Comments (1) to «Vittime di serie B»

  1. conocrdo con quanto hai postato

No trackbacks or pingbacks to «Vittime di serie B»

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.