«Porta a Porta» non rispetta la Par Condicio



Pubblicato il 17 maggio 2003 su Il Barbiere della Sera :

«Porta a Porta» non rispetta la Par Condicio
di Dario de Judicibus

Ancora una volta è stata negata la parola ai genitori separati e soprattutto ai padri.

Bruno Vespa, conduttore di Porta a PortaGiovedì 15 maggio 2003, alle ore 23:00, «Porta a Porta» ha dedicato la puntata al tema della famiglia in occasione della Giornata Internazionale della famiglia proclamata dalle Nazioni Unite. Non solo la trasmissione è stata impostata in modo assolutamente discriminatorio e sessista, escludendo del tutto i papà dal dibattito, ma se ne è approfittato per effettuare una vera e propria opera di disinformazione nei confronti dell’opinione pubblica riguardo alla riforma della legge sull’affido, ovvero alla proposta relativa all’affidamento condiviso.

Contro tale proposta, infatti, si è mobilitata una lobby di avvocati che vede in essa un serio pericolo per quel giro di affari miliardario che ha permesso a molti professionisti di arricchirsi sulla pelle di decine di migliaia di bambini. Ancora una volta i media, e nello specifico il conduttore della trasmissione, Bruno Vespa, hanno dimostrato l’assoluta parzialità della stampa e dei canali televisivi nel proteggere gli interessi economici di chi ha fatto delle separazioni e dei divorzi un vero business.

Ancora una volta le tante associazioni di genitori separati che si battono da anni per una vera riforma della legge sono state completamente ignorate. Per i genitori separati e per i padri in particolare non esiste par condicio, né tanto meno diritto di replica. Non hanno il coraggio di invitarle al dibattito perché sanno che sono preparate sull’argomento e sanno che le loro posizioni sono forti e condivise dalla maggioranza dell’opinione pubblica.

Comunicato stampa di Padri ad Ore

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.