Graduatoria 2013 dell’Italia nel Mondo



  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • OkNotizie
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Netvibes
  • Reddit
  • Yahoo! Bookmarks
  • RSS

Esistono molte organizzazioni nel mondo la cui missione è osservare e valutare Paesi, città, imprese, associazioni, istituzioni ed enti pubblici e privati a fronte di determinati parametri. Non tutte sono parimenti affidabili o del tutto imparziali e non tutti i criteri utilizzati per effettuare tali valutazioni sono sempre condivisibili e generali, tuttavia alcune organizzazioni, criteri e indicatori hanno acquisito una buona reputazione e possono essere considerati dei validi punti di riferimento per verificare l’effettiva qualità delle proprie prestazioni rispetto agli altri.

Una categoria di indicatori è relativo alle varie nazioni del mondo e permette di capire a grandi linee come una nazione si posiziona rispetto ai migliori in uno specifico settore. Alcuni di questi indici sono abbastanza famosi e vengono spesso nominati dalla stampa. Ad esempio lo Human Development Index o il Corruption Perceptions Index.

Fermo restando che

  1. un indice da solo non è sempre sufficiente a comprendere un problema di una certa complessità,
  2. il valore stabilito da una specifica organizzazione rappresenta comunque un determinato punto di vista, e che
  3. non sempre è possibile definire un insieme di parametri di valutazione omogeneo valido per qualsiasi Paese,

verificare dove si trovi il proprio Paese rispetto ad altri in questo genere di classifiche è comunque utile per capire se esistano spazi di miglioramento e di crescita in vari settori della società in cui si vive.

Ho effettuato quindi una ricerca relativamente all’Italia andando a verificare l’ultima posizione acquisita a fronte di 30 differenti indicatori, politici, economici e sociali. La maggior parte dei valori riguardano gli ultimi tre anni, ovvero dal 2011 al 2013, alcuni sono relativi al triennio 2008-2010 mentre uno è del 2002 e non mi risulta ne esista una versione più recente.

Non è obiettivo di questo articolo spiegare ogni singolo indicatore, per cui mi sono limitato a riportare la fonte e l’anno di valutazione. Cercando in rete per indicatore o per fonte, si possono trovare tutte le informazioni desiderate sia su cosa significhi ognuno, sia su come sia stato calcolato e/o misurato.

Nel mettere insieme questi dati ne risulta un quadro non particolarmente entusiasmante, almeno per quello che riguarda l’Italia. Tutti gli indicatori selezionati vedono i migliori ai primi posti. L’Italia è tra i primi 10 solo in sei graduatorie su 30, e fra il decimo e il trentesimo posto solo in altre 9. Per tutti gli altri indicatori è oltre la trentesima posizione. Questo tuttavia non sarebbe così grave se non fosse per la posizione piuttosto bassa che l’Italia ha su alcuni indicatori chiave, come quello relativo al grado di corruzione nel Paese, all’evasione fiscale, alla facilità di accesso al credito e alla parità fra uomini e donne.

Qui di seguito i trenta indicatori divisi in tre blocchi da 10. I valori indicano la posizione in classifica e quindi in ogni grafico, più piccola è la barra a tinta unita, migliore è la posizione. Il colore della barra a tinta unita indica l’anno di valutazione: più è scuro, più recente è la valutazione.

Primo blocco

ValoreIndicatoreFonteAnno
34Global Peace IndexGlobal Rankings2013
57Press Freedom IndexReporters Without Borders2013
72Corruption Perceptions IndexTransparency International2012
29Global Innovation IndexWorld Intellectual Property Organization2013
83Economic Freedom IndexHeritage Foundation2013
25Human Development IndexUnited Nations Development Programme2012
2Healthy Life Expectancy IndexWorld Health Organization2011
24Quality of Death IndexLien Foundation and The Economist Intelligence Unit2013
4National IQ Scores IndexRichard Lynn, Tatu Vanhanen, Jelte Wicherts2002
9Nobel Prizes IndexThe Nobel Foundation2009

Secondo blocco

ValoreIndicatoreFonteAnno
67Global Gender Gap IndexWorld Economic Forum2008
49Global Competitiveness IndexWorld Economic Forum2009
14Patent Applications IndexWIPO2008
73Infrastructure Quality IndexWorld Economic Forum2011
6Global Health IndexInternational Human Development2013
34Global Education IndexInternational Human Development2013
28Global Income IndexInternational Human Development2013
26Global Inequality IndexInternational Human Development2013
73Doing Business IndexThe World Bank2013
84Starting Business IndexThe World Bank2013

Terzo blocco

ValoreIndicatoreFonteAnno
104Getting Credit IndexThe World Bank2013
131Paying Taxes IndexThe World Bank2013
27Sovereign Fiscal Responsibility IndexStanford University2011
45Country Credit IndexInstitutional Investor2012
18Environmental Performance IndexGlobal Sherpa2010
23Quality of Power IndexNation Ranking2011
8National Power IndexNation Ranking2011
7Quality and Power IndexNation Ranking2011
72Corruption Perception IndexTransparency International2012
29Democracy IndexEconomist Intelligence Unit2012

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.

EmailEmail
PrintPrint