No celere? No… parti



Alcune settimane fa scrivevo di quanta poca trasparenza ci sia nel sito delle Poste Italiane e di come il servizio postale, soprattuto quello relativo alla spedizione dei pacchi, fosse notevolmente peggiorato da quando Poste si serve della SDA (vedi "Pacchi"… postali).

Oggi vorrei raccontarvi di quello che mi è successo ieri quando sono andato a spedire un pacco. Dopo aver consegnato il plico, ho chiesto all’impiegato se poteva darmi un paio di moduli per pacchi ordinari, dato che dovevo preparare e spedire altri due pacchi.

«Mi spiace, ma ho solo i moduli per i Paccocelere

«E se devo spedire un Pacco Ordinario? Quando pensa che arriveranno i moduli?»

«Non arrivano. Ormai non ce li mandano più da diverso tempo. Provi in un altro ufficio postale.»

Non li mandano più? Ma il pacco ordinario è o non è ancora un prodotto postale? E allora perché «non mandano più» i moduli? O meglio… perché solo quelli per i Paccocelere? Lascio a voi la risposta. Io la mia, me la sono data.

Etichette: , , ,

Commenti (2) a «No celere? No… parti»

  1. sarmigezetusa ha detto:

    Salve.

    Sto percorrendo all’indietro due anni di blog, e voglio ricordare e salutare tutti quelli che hanno lasciato un commento e sono ancora vivi&attivi. Sei invitato a ripassare ^_^

Nessuna retrotraccia o avviso a «No celere? No… parti»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.