Liturgia della parola



«Tu-tu… tu-tu..»

Compongo il numero…

«Telecom Italia, informazione gratuita. L’utente non è abilitato al tipo di chiamata richiesta.»

Riattacco. È la quarta volta in due giorni. Eppure sto chiamando da un fisso, non da un cellulare… sai che faccio? Chiamo il 187 e chiedo cosa significa. Chissà, magari ha un contratto speciale…

«Tu-tu… tu-tu..»

Allora… 1… 8… 7… Solita sfilza di opzioni…. chissà perché quella che serve a me è sempre l’ultima? Ah, ecco… Zero! 0… Musichetta… Ti pareva. Almeno la cambiassero ogni tanto. Oh, una vocina registrata…. sentiamo.

«In effetti c’è molto traffico in rete…»

E quando mai!

«Abbiamo ragione di credere che un operatore risponderà al più presto possibile…»

E questo cos’è? Un atto di fede? Devo rispondere amen? Vada per il rispondere il più presto possibile, ma quell’abbiamo ragione di credere mi sembra un po’ buffo. Mah… chissà chi glieli scrive i dialoghi a questi!

Musichetta… un minuto… voce registrata… due minuti… musichetta… tre minuti… voce registrata… quattro minuti… Meno male che almeno il 187 è gratuito! Ah, ecco!

«Salve, sono Paola, cosa posso fare per lei?»

Ingoio il «rispondere un tantinello prima» che mi stava per sfuggire — beh, non è mica colpa sua — e faccio la fatidica domanda: ma che vuol dire che l’utente non è abilitato alla chiamata richiesta?

«Oh, semplice. Vuol dire che ha cambiato numero

Eh? Ma, scusate, faccio io, non potevate dire semplicemente che ha cambiato numero?

«Ehm…» pausa riflessiva «Comunque, per sapere il nuovo numero può chiamare il 412.»

La ringrazio. Utile davvero. Va beh, ho capito: vado su Google.

Commenti (4) a «Liturgia della parola»

  1. bloggherone ha detto:

    Complimenti! Questo tuo post è stato scelto come Hacklettura 11 da “Bloggherone” [Osservatorio blog-internettiano] e riprodotto con aggiunta di link al tuo blog.

  2. catepol ha detto:

    a me è capitato l’altro giorno e la stessa frase voleva dire che mi avevano staccato il telefono di casa 🙂 per mancato pagamento di bolletta che è sfuggita al nostro controllo e si era nascosta ben bene tra mille altre carte. Soluzione:187online, pagamento con credit card e nel giro di qualche ora tutto come prima. Una nota positiva: l’adsl mica me l’hanno staccata però 🙂

  3. Dario de Judicibus Dario de Judicibus ha detto:

    Ah, ma allora è una «frase per ogni stagione»!!!

Nessuna retrotraccia o avviso a «Liturgia della parola»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.