Sull’Otto Marzo



Scritta l’8 marzo 2004:

La mimosa: il simbolo dell'8 marzo.Fintanto che continueremo a ragionare in termini di uomini e donne, non ci libereremo mai dei sessismi e delle discriminazioni che cercano di delimitare i ruoli maschili e femminili come se esistessero delle leggi di natura a determinare cosa può fare ed essere un uomo e cosa può fare ed essere una donna.

Cerchiamo di superare questi concetti. Cancelliamo la Festa della Donna e istituiamo quella del Rispetto della Dignità dell’Individuo, che sia uomo o donna, etero od omosessuale, giovane o vecchio, di qualunque etnia e credo religioso o politico.

Cancelliamo la festa del Papà, della Mamma, degli zii, dei nonni, dei figli e dei nipoti, e istituiamo quella della Solidarietà, che dovrebbe essere alla base di qualunque unione, che sia la Famiglia nel senso tradizionale del termine, o una qualunque delle altre forme di convivenza basate su affetto e stima reciproca.

Se vogliamo veramente andare oltre a tutte le forme di discriminazione, dobbiamo smettere di pensare di risolvere questi problemi solo da un punto di vista formale, istituendo quote, percentuali obbligatorie, minimi e massimi. Forse che ci si preoccupa di bilanciare in un concorso i biondi e i bruni, quelli con gli occhi chiari e quelli che li hanno scuri?

Dobbiamo lasciarci alle spalle queste ipocrisie perché altrimenti rischiamo di ottenere l’effetto opposto e magari potremmo ritrovarci domani un femminismo trasformato nel maschilismo del Terzo Millennio. Perché nessuna ingiustizia può bilanciare un’ingiustizia precedente: due ingiustizie che si contrappongono non fanno certamente un mondo più giusto ed equilibrato, solo uno più triste.

Etichette: , ,

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.