Bigenitorialità e Mantenimento



  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • OkNotizie
  • Pinterest
  • StumbleUpon
  • FriendFeed
  • MySpace
  • Netvibes
  • Reddit
  • Yahoo! Bookmarks
  • RSS

Scritto il 13 ottobre 2004 per il forum di Diritto.net:

Il nostro Paese è cambiato è tuttavia sembra che questo cambiamento venga recepito solo a macchia di leopardo nel panorama giuridico italiano. Sebbene alcuni tribunali — ben pochi per la verità — siano arrivati a imporre l’affidamento congiunto dei minori anche in caso di conflitto fra ex-coniugi, altri ancora insistono con la pratica traumatica per i figli dell’affidamento esclusivo, assegnato prevalentemente alla madre.

Analogamente, alcune sentenze stanno iniziando a intaccare quella cultura del mantenimento che vede ancora il divorzio come una sorta di pensione a vita per la donna, altre invece, continuano a ragionare secondo un vecchio cliché maschilista che vede la donna quale “angelo del focolare’, l’uomo fonte unica di mantenimento economico. In pratica si nega quel principio di indipendenza che è alla base del divorzio e che non può non prevedere, almeno nel medio termine, anche una completa indipendenza economica.

C’è da domandarsi quando la Magistratura adotterà un atteggiamento comune e coerente in tutto il Paese che rispetti il Principio di Bigenitorialità e la Pari Dignità fra uomo e donna nelle cause di separazione e divorzio. Come si può avere fiducia in una Giustizia in cui i propri diritti sono garantiti in modo del tutto casuale, ovvero a seconda di dove si venga giudicati e da chi, quasi che la Giustizia in Italia sia una sorta di Gioco a Premi in cui è un tiro di dadi a stabilire se la tua vita debba essere rovinata o meno.

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta





Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.

EmailEmail
PrintPrint