Scena del crimine



LA REPUBBLICA – 24 DICEMBRE 2004
Cogne, nuovo colpo di scena nelle indagini l’uomo ora sarà interrogato dalla Procura.
L’impronta nella casa del delitto è di un consulente della difesa.

TORINO – Nessuna nuova impronta, nessun personaggio misterioso sul luogo del delitto. E’ di uno dei quattro consulenti svizzeri della difesa di Anna Maria Franzoni la nuova impronta trovata nel luglio scorso nella villetta di Cogne, dove fu ucciso il piccolo Samuele Lorenzi. …[omissis]…

Ennesima dimostrazione di come funzionino le investigazioni sui crimini in Italia. Non c’è certo bisogno di vedere CSI per sapere che dopo ventiquattro, quarantott’ore al massimo, la scena di un crimine vada considerata sostanzialmente compromessa. Eppure non è la prima volta che in casi particolarmente complessi vengano fatti accertamenti e analisi anche a distanza di mesi.

È successo anche nel caso del processo per l’omicidio di Marta Russo, quando vennero fatti rilevamenti di sostanze chimiche diversi mesi dopo il delitto. Purtroppo nel nostro Paese molti processi finiscono per basarsi solo su testimonianze e indizi. Il principio del «ragionevole dubbio» non esiste nel nostro Diritto e non è necessaria un’evidenza oggettiva per poter condannare qualcuno. Questo vuol dire che ognuno di noi potrebbe essere facilmente coinvolto in un delitto se ci fosse qualcuno veramente interessato a crearci problemi. C’è ne è abbastanza da essere preoccupati…

Please use Facebook only for brief comments.
For longer comments you should use the text area at the bottom of the page.

Facebook Comments

Leave a Reply




*


In compliance with the appropriate provisions of the law I state that this site is no profit, has not a predefined recurrence and is not updated according to a deadline. It may therefore not be considered an editorial product under Italian law #62 of March 7th, 2001. In addition, this site makes use of the right of citation for academic and criticism provided in Article 10 of the Berne Convention on copyright.