Ma stiamo scherzando?



Cito dalla versione in rete del Corriere:

Corriere della Sera.it

WASHINGTON – Barack Obama ha un iPod. Questo ciò che ha comunicato un portavoce del presidente americano designato. No, seriamente. Motivo della precisazione: alcune notizie pubblicate su parecchi blog tecnologici che giurano di averlo visto con uno Zune, l’apparecchio di casa Microsoft concorrente della Apple. La conseguenza: migliaia di fan indignati e una piccola rivolta nei forum.

Vai all’articolo…

Affermare che sia perplesso è un eufemismo. L’articolo di Elmar Burchia termina affermando che:

Per completezza d’informazione: sulla foto di lui nello studio di fitness si intravede anche il logo «Asics» sulle scarpe da ginnastica; la sua t-shirt porta invece la firma «Nike». Non è stato comunicato quali calzini il neo-presidente indossasse in quel momento ma chissà, fino al giorno della festa d’insediamento a gennaio, potrebbe essere chiarito anche questo dilemma.

Il bello è che in America la cosa sembra davvero avere importanza, tanto che ci sono persone che affermano di essere pronte a «ritirare il loro voto» — qualsiasi cosa voglia dire in pratica — se Obama non utilizza i loro prodotti preferiti o ascolta musica di un tipo piuttosto che un altro. E i giornali di mezzo mondo riportano la notizia senza commenti, per giunta, quasi la cosa abbia davvero una sua rilevanza! Giusto nell’articolo del Corriere si nota alla fine un accenno di ironia, ma così sottile che potrebbe quasi sfuggire al lettore non attento.

Siamo nel bel mezzo di una delle peggiori crisi finanziare che la società moderna abbia mai visto, peggiore persino sotto certi aspetti di quella del 1929. E poi il riscaldamento globale, l’emergenza alimentare nei Paesi del Terzo Mondo, la tensione in Medio Oriente, il terrorismo islamico integralista, le decine di guerre dimenticate per non parlare dei tanti conflitti dimenticati che flagellano il nostro pianeta, e scusate se me ne sono dimenticato qualcuno, come ad esempio la recente chiusura dei gasdotti all’Ukraina da parte della Russia, ma a volerli elencare tutti, i problemi del mondo, avrei bisogno di un altro blog. E gli americani si preoccupano se Obama usa uno Zune o un iPod, se ascolta Miles Davis invece di The Knack come Bush? E noi dietro ovviamente, a rimorchio. Come la notizia che i Clinton hanno danzato assieme la notte di Capodanno o decine di altre non-notizie che giornali e telegiornali ci propongono ogni sera. Come se di notizie vere non ce ne fossero a sufficienza per riempirne dieci di telegiornali.

C’è qualcosa che decisamente non va, e ho tanta paura che siamo proprio noi!

Commenti (1) a «Ma stiamo scherzando?»

  1. utente anonimo ha detto:

    Non va che te leggi queste notizie e le commenti pure…

Nessuna retrotraccia o avviso a «Ma stiamo scherzando?»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.