Parole chiare



Riporto qui di seguito una delle tante dichiarazioni fatte da uno dei candidati alla carica di Sindaco di Roma, ovvero Gianni Alemanno, così come pubblicata dal portale romano del gruppo Adnkronos Metropolis:

19 marzo 2008
ALEMANNO: POLITICHE SOCIALI PER PADRI SEPARATI

«Difendere la famiglia significa difenderne i valori fondanti, cioè il padre e la madre. Quando una famiglia in difficoltà chiede aiuto, il Comune e i servizi sociali territoriali devono assistere i genitori in modo paritario, aiutare i padri separati come si fa con le madri, e soprattutto garantire ai figli il diritto primario di crescere con entrambi.»

Cosa dire a riguardo? Beh, come forse alcuni di voi sapranno, non mi ha mai interessato a quale partito o schieramento appartenesse un candidato quando si è trattato di decidere se votarlo o meno, ma solo quali fossero le sue posizioni sui vari problemi sui quali si era proposto. Fermo restando quindi che le parole di un politico sono sempre e solo tali fintanto che non si vedono dei fatti, devo ammettere che almeno le sue sono state chiare e nella direzione che da molto tempo auspico, io così come molti altri genitori separati che da anni si battono per la bigenitorialità. Se poi fosse eletto e non dovesse mantenere le promesse, gliene chiederemo atto, ma rispetto a chi quelle parole non le ha mai pronunciate, e mi riferisco tanto a Rutelli quanto a Veltroni — e non che non fosse stato chiesto più volte loro di pronunciarle — esiste un baratro. A questo punto ho fatto la mia scelta e non ho problemi a dichiararla. Voterò per Gianni Alemmanno e poi mi premurerò di ricordargli, dovesse diventare Sindaco, di questa sua promessa.

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.