Acque chiare



Se vi dicessi che ognuno di noi consuma diverse migliaia di litri d’acqua al giorno, mi credereste?

Certo, mi sto riferendo a chi vive nei cosiddetti paesi industrializzati, a quelli cioè più ricchi, ma non sto parlando di dieci o venti litri, né di cento o mille, ma di diverse migliaia: tre, quattro, cinquemila, in alcuni casi oltre diecimila.

Non è possibile, mi direte. In fondo quanta acqua può bere una persona in un giorno? Due o tre litri al massimo, se si considerano anche le bevande come il té o i succhi di frutta, il vino e altri alcolici che comunque sempre acqua contengono. Nel caso poi beviate acqua minerale, sappiate che un litro d’acqua in bottiglia richiede almeno tre litri d’acqua per essere prodotta. Aggiungiamo pure l’acqua utilizzata per l’igiene personale e per la pulizia della casa, magari mettiamoci pure una percentuale di quella usata per lavare le strade della nostra città dopo avere diviso la quantità complessiva utilizzata per i suoi abitanti. Quanto sarà? Le statistiche ci parlano di valori compresi fra i 30 e i 300 litri a persona. Ovviamente al giorno. Tanto, certo, ma nulla di paragonabile a quanto affermato all’inizio di questo articolo. Da dove viene allora la maggior parte del consumo?

Beh, innanzi tutto ci nutriamo. Ogni giorno mangiamo almeno un piatto di pasta o comunque una certa quantità di cereali, dato che rappresentano oltre il 50% del consumo alimentare mondiale. Poi carne, frutta, verdura, latte e altri prodotti agricoli o di allevamento. Sapete quanto ci vuole per produrre un chilo di grano? Secondo la FAO dai 1.000 ai 2.000 litri d’acqua. In pratica, un piatto di spaghetti ha richiesto diverse centinaia di litri d’acqua per arrivare sulla vostra tavola, ben più dei pochi litri che sono stati necessari per cuocerla. E la carne? Che c’entra l’acqua con una bella bistecca di manzo? Secondo voi il manzo di cosa si è nutrito prima di essere macellato? Cereali, ovviamente, e altrettanto ovviamente avrà anche bevuto per almeno un anno, dato che la macellazione non deve avvenire oltre i diciotto mesi. Ebbene, sempre la FAO ci dice che un chilo di carne viene a "costare" la bellezza di 14.000 litri d’acqua. In pratica una fettina di un paio d’etti da sola equivale a 2.800 litri.

A questo punto il conto è fatto. Prendete i vostri duecento litri d’acqua utilizzati per bere, lavarvi e pulire casa, aggiungete l’equivalente in litri d’acqua di quello che mangiate, ovvero pasta, carne, verdure, frutta, ed ecco che abbiamo la dimostrazione di quanto abbiamo affermato inizialmente: ognuno di noi consuma dai 2.000 ai 5.000 litri d’acqua al giorno. Se poi aggiungete il fatto che la casa in cui abitiamo e gli oggetti che usiamo sono il prodotto di un’industria che è responsabile di almeno un quinto del consumo idrico nazionale, la quota pro capite cresce ulteriormente.

Se si tiene conto che nel mondo oltre un miliardo di persone non usufruisce di acqua potabile e che almeno tre volte tanto non dispone di servizi igienici, è chiaro che sprecare acqua dovrebbe essere considerato di fatto un crimine. Che fare allora? È chiaro, da quello che abbiamo detto prima, che non è tanto l’acqua che beviamo o che usiamo per lavarci a fare la differenza, ma quella per uso agricolo e industriale. È soprattutto in quei settori che bisogna intervenire, ad esempio utilizzando l’irrigazione a goccia, riducendo a zero o quasi le perdite dei sistemi idrici — basti pensare a come è ridotto il sistema idrico nazionale nel Mezzogiorno — riciclando le acque reflue per uso agricolo o industriale, iniziando a investire seriamente per rendere sempre più efficienti e meno costosi gli impianti di dissalazione.

Sono molte le iniziative che si potrebbero portare avanti. Attenzione però ad evitare la logica delle Grandi Riforme o dei Grandi Progetti, utili più che altro solo al politico di turno per farsi un po’ di pubblicità. Piuttosto si deve perseguire una strategia dei piccoli passi, intervenendo in modo mirato su sprechi piccoli e grandi attraverso un uso intelligente della tecnologia. Anche le affermazioni demagogiche del tipo «chiudi la doccia quando t’insaponi» vanno riviste criticamente, non perché alcune buone abitudini non potrebbero essere d’aiuto, ma perché il grosso non è lì. Tutto serve, ovviamente, e ben venga adottarle, ma soprattuto serve intervenire sui grandi numeri e quella non è cosa che possono fare i singoli ma va fatto a livello di governo, sia centrale che periferico. Spetta quindi allo Stato, in primis, e alle regioni e ai comuni, in secundis, adottare iniziative concrete per ridurre al minimo gli sprechi e usare in modo più efficiente l’acqua che abbiamo a disposizione. Dopodiché, fare anche noi un po’ più di attenzione su come usiamo quotidianamente questa preziosa risorsa, male non ci può fare.

Commenti (1) a «Acque chiare»

  1. utente anonimo ha detto:

    —– Original Message —–

    From: Domenico Schietti

    To: carabinieri@carabinieri.it ; urp.mi@poliziadistato.it

    Sent: Sunday, November 25, 2007 5:54 PM

    Subject: Re: OGGETTO: DENUNCIA SETTA DEGLI INGEGNERI SCIENTISTI

    Carissimi,

    PER LA MILIONESIMA VOLTA VI COMUNICO CHE HO INVENTATO UN METODO PER FARE ACQUA POTABILE CON LA SERPENTINA AL PREZZO DI 0,002 AL LITRO ANCHE IN MEZZO AL DESERTO DEL SAHARA

    A questo link il disegno e le spiegazioni

    http://100-milioni-di-tonnellate.blogspot.com/2007/11/serpentina-impianto-goccia-goccia.html

    Con questo sistema ho intenzione di dare lavoro ad oltre 200 milioni di contadini in aree semidesertiche ed incrementare il settore della biomassa secca grazie alle potature annuali degli alberi da frutto.

    Se mi lasciassero produrre a mio nome in serie questo prodotto penso che ne potrei distribuire oltre 200 milioni.

    Non posso frequentare da anni i miei amici, devo vivere in povertà assoluta in semiclandestinità, mi hanno usurpato decine di mie idee vendendo centinaia di milioni di prodotti derivati dalle mie idee.

    Il mondo è dominato da alcune gang che fanno il bello e il cattivo tempo su scala globale.

    Vi ricordo anche che ormai da anni ho confutato la legge di Boyle – Mariotte dimostrando che tutto quello che viene insegnato nelle scuole e nelle università scientifiche è falso e quindi che la setta degli ingegneri scientisti manipola la verità per ottenere decine di miliardi di euro di finanziamenti pubblici.

    Vi prego di intervenire, di iniziare le perquisizioni nelle università, nelle sedi dei media, e di diffondere la notizia che non esiste nessun problema energetico, ma che si tratta di un complotto globale.

    Domenico Schietti

Nessuna retrotraccia o avviso a «Acque chiare»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.