Il test del PSA non è più affidabile



Dal numero di novembre 2004 de “Le Scienze” :

“… Thomas Stamey … nel 1987 pubblicò uno studio sulla relazione tra i livelli di PSA (antigene specifico della prostata) nel sangue e presenza di cancro alla prostata negli uomini. Secondo quello studio, il cancro alla prostrata poteva essere individuato con buona attendibilità: quando i livelli del PSA superavano la soglia di due nanogrammi per millilitro di sangue era consigliabile sottoporsi a una biopsia. … Nel 1987 sembrava che l’antigene fosse direttamente legato alla presenza di tumori, ma adesso, … l’urologo statunitense ha concluso che i livelli di PSA non sono legati alla presenza di cellule degenerate, bensì, semplicemente, al volume della prostrata, sana o malata che sia. L’errore … era dovuto al fatto che allora i tumori venivano scoperti quando erano già piuttosto voluminosi, e quindi la prostrata produceva molto PSA. … Stamey consiglia quindi di abbandonare il metodo della PSA …”

Questo estratto viene pubblicato nella speranza che i laboratori di analisi e gli ospedali italiani adottino rapidamente le raccomandazioni del ricercatore americano, in modo da evitare interventi non necessari a fronte di un test non più attendibile.

Etichette: , , ,

Commenti (1) a «Il test del PSA non è più affidabile»

  1. Heracleum ha detto:

    Ciao, ora è possibile cambiare il titolo della referrer list, vedi ultimo post. Grazie dell’ottima osservazione.

Nessuna retrotraccia o avviso a «Il test del PSA non è più affidabile»

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.