Art 2.0



Can a work of art be the product of collective creativity? We are used to think to the artist as a very peculiar individual, mostly self-centered, out of schemes, sometimes introverted and asocial, often capricious and extravagant, not really inclined to teamwork and collaboration.

However creativity is a human characteristic, that is, each of us, some more some less, is creative. So what about collective creativity, that is, sharing ideas to be modeled, adapted, represented, painted, sculpted, arranged, executed together? Not like an orchestra that is playing together under a direction, but rather like jazz improvisation applied to any possible flavor of art.

This is what I call Art 2.0, and in my opinion we are mature to try, now.

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.