Umorismo (1)



Di storielle ne girano sempre tante in Rete, ma queste sono così carine che ho pensato di condividerle sul blog.

Sintesi del corso «Lavorare in Team»

Lezione n°1

Un uomo va a farsi la doccia subito dopo che c’era stata la moglie, quando suonano al campanello di casa. La donna si avvolge un asciugamano attorno al corpo, scende le scale correndo e va ad aprire la porta: è Giovanni, il vicino. Prima che lei possa dire qualcosa, lui le dice:

«Ti do 800 euro adesso in contanti se fai cadere l’asciugamano!»

La donna ci pensa su un attimo, poi lascia cadere l’asciugamano… Lui la guarda a fondo, quindi, soddisfatto, le dà la somma pattuita. Lei, un po’ sconvolta ma felice per la piccola fortuna guadagnata, risale le scale e torna nel bagno. Il marito, ancora sotto la doccia le chiede chi fosse alla porta. Lei risponde:

«Era Giovanni…»

E il marito:

«Ah, bene! Ti ha restituito gli 800 euro che gli avevo prestato?»

Morale n°1

Se lavorate in team, dividete rapidamente le informazioni dei fascicoli comuni, potreste evitare dei malintesi o della cattiva pubblicità…


Lezione n°2

Al volante della sua macchina, un attempato sacerdote sta riaccompagnando una giovane monaca al convento. Il sacerdote non riesce a togliere lo sguardo dalle sue gambe accavallate. All’improvviso poggia la mano sulla coscia destra della monaca. Lei lo guarda e gli dice:

«Padre, si ricorda il salmo 129?»

Il prete ritira subito la mano e si perde in mille scuse. Poco dopo, approfittando di un cambio di marcia, lascia che la sua mano sfiori di nuovo la coscia della religiosa che, imperterrita, ripete:

«Padre, si ricorda il salmo 129?»

Mortificato, il prete ritira la mano, balbettando una scusa. Arrivati al convento, la monaca scende senza dire una parola. Il prete, preso dal rimorso dell’insano gesto si precipita sulla Bibbia alla ricerca del salmo 129.

127… 128… Salmo 129!

«Andate avanti, sempre più in alto, troverete la gloria…»

Morale n°2

Al lavoro, siate sempre ben informati o rischierete di perdere delle ottime occasioni…


Lezione n°3

Un rappresentante, un’impiegata e il loro direttore del personale escono dall’ufficio a mezzogiorno e vanno verso un ristorantino, quando su di una panca trovano una vecchia lampada ad olio. La strofinano e appare loro un genio. L’essere fatato li guarda, poi dice:

«Generalmente esaudisco tre desideri, ma poiché siete tre, ne avrete uno per ciascuno.»

L’impiegata allora spinge via gli altri e grida:

«Tocca a me, a me… voglio stare su una spiaggia incontaminata delle Bahamas, sempre in vacanza, senza nessun pensiero che potrebbe disturbare la mia quiete.»

Detto questo svanisce. Il rappresentante allora si fa avanti e grida:

«A me, a me, tocca a me!!! Voglio gustarmi una piña colada su una spiaggia di Tahiti con la donna dei miei sogni!»

Detto fatto: svanisce anche lui.

«Bene. Adesso tocca a te.»

dice il genio guardando il direttore del personale. Questi lo guarda dal basso in alto e poi fa:

«Voglio vedere quei due al lavoro dopo pranzo…»

Morale n°3

Lasciate sempre il capo parlare per primo….

Etichette: , ,

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.