RAI: i bollini che non ci sono



Spesso si sentono alcuni personaggi affermare come la RAI, in quanto televisione pubblica, abbia un ruolo centrale all’interno del mondo dell’informazione e in generale dei media. Eppure, nonostante che oramai da anni quasi tutte le emittenti televisivi abbiano adottato i famosi bollini rosso, verde e giallo per indicare l’idoneità o meno di un programma a un pubblico non adulto, il nostro "servizio pubblico" continua a essere latitante. L’impressione che si ha dall’esterno è che alla RAI siano ammalati della famosa sindrome del "not invented here", ovvero, se una cosa non l’hanno inventata loro, allora non è buona.

Bollino Verde Bollino Giallo Bollino Rosso

E noi intanto aspettiamo…

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.