[COME] Spostare le app di iTunes in un’altra cartella



iTunes, probabilmente, non è proprio il più semplice da usare e amichevole fra i programmi sviluppati da Apple. Ad esempio, anche se in Windows si installa iTunes in un disco o in una partizione specifica differente da C, i dati saranno comunque memorizzati in My Documents\My Music\iTunes\, cioè sul disco C. Se iTunes è stato installato con l’utenza username, allora il cammino fisico che porta a quei dati sarà C:\Documents and Settings\username\My Documents\My Music\iTunes\.

Questa scelta da parte dei disegnatori dell’applicazione crea qualche problema se non si ha abbastanza spazio sul disco C per contenere tutti i contenuti multimediali e le applicazioni del vostro iPhone o iPad. Infatti non è difficile che questa cartella possa arrivare a 10GB e oltre, e dato che sul disco C è presente anche il sistema operativo, è possibile trovarsi a corto di spazio disco, specialmente sui portatili e sugli ultra portatili.

Si potrebbe pensare a questo punto di spostare i dati di iTunes da un’altra parte, ma purtroppo questo non è possibile. In effetti esiste un modo per consolidare tutti i contenuti multimediali su un altro disco, ma questo non è possibile per le applicazioni cellulari.

Esiste un trucco, tuttavia. Windows 2000 e tutte le versioni superiori supportano i collegamenti simbolici alle cartelle, ovvero una cartella può agire come collegamento simbolico a un’altra cartella sul computer. Questi collegamenti simbolici alle cartelle sono anche conosciute in Windows come giunzioni NTFS. Sfortunatamente, Windows non ha uno strumento per creare tali giunzioni, a meno di non avere il Win2K Resource Kit che contiene il programma linkd realizzato appunto per creare tali collegamenti.

Per fortuna esiste uno strumento gratuito sviluppato da Mark Russinovich e chiamato junctions che permette di creare molto facilmente questi collegamenti simbolici alle cartelle in Windows. Una volta scaricato il programma e salvato in una cartella che sia elencata nella variabile di sistema PATH, potrete spostare senza problemi dove vorrete la vostra cartella iTunes. Ecco come.

Per prima cosa assicuratevi che iTunes non sia attivo. Nel caso, chiudetelo. Quindi spostate l’intera cartella iTunes da My Music a un altro posto, ad esempio, D:\Music. Nel caso alcune cartelle siano bloccate, potete usare un altro strumento gratuito per sbloccarle, cioè Unlocker, sviluppato da Cedrick Collomb.

A questo punto in My Music non ci sarà più alcuna cartella iTunes, dato che tutte le sottocartelle saranno ora in D:\Music\iTunes. Non vi resta che aprire una finestra per l’esecuzione dei comandi e scrivere

junction "C:\Documents and Settings\username\My Documents\My Music\iTunes" "D:\Music\iTunes"

Se junction si trova come necessario nel cammino dei comandi, vedrete che una cartella iTunes sarà comparsa di nuovo in My Music e, se l’aprirete, potrete ritrovarvi dentro tutti i dati, i contenuti multimediali e le applicazioni cellulari che c’erano prima. Tuttavia, se andate a vedere quanto spazio libero avete adesso sul disco C, vi ritroverete con molta più memoria di prima. In fatti quella cartella è in realtà una giunzione, cioè un collegamento simbolico. Attenzione che non è la stessa cosa di un collegamento tradizionale in Windows. Un collegamento a una cartella non si comporta come una cartella; un collegamento simbolico sì.

Sia chiaro che quello qui descritto è un artificio. iTunes non è stato disegnato per lavorare in questo modo, per cui si tratta di un trucco solo per utenti avanzati. È fondamentale che siate ben consapevoli di quello che state facendo. Per quanto mi riguarda, non mi assumo alcuna responsabilità per l’eventuale perdita di dati o altri possibili danni derivanti dal seguire queste istruzioni o dall’uso di questi strumenti.

Si prega di usare Facebook solo per commenti brevi.
Per commenti più lunghi è preferibile utilizzare l'area di testo in fondo alla pagina.

Commenti Facebook

Lascia una risposta




*


Nel rispetto delle apposite norme di legge si dichiara che questo sito non ha alcun scopo di lucro, non ha una periodicità prestabilita e non viene aggiornato secondo alcuna scadenza prefissata. Pertanto non può essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge italiana n. 62 del 7 marzo 2001. Inoltre questo sito si avvale del diritto di citazione a scopo accademico e di critica previsto dall'Articolo 10 della Convenzione di Berna sul diritto d'autore.